chiudi
schema caduta denti da latte

Schema caduta denti da latte


Quanto è importante capire lo schema caduta denti da latte? In questo articolo lo spieghiamo, cercando di darvi i migliori consigli per capire anche le differenze tra i denti da latte e quelli degli adulti e quando escono, oltre all’ordine caduta denti da latte.

Schema caduta denti da latte. Cosa c’è da sapere per primo

L'eruzione del dente è un processo fisiologico, per cui il dente viene spostato dalla sua posizione iniziale nelle mascelle alla posizione nella bocca. Quando escono e cadono i denti? L'eruzione dei denti da latte segna una pietra miliare nella salute orale dei bambini. Influenzano il processo del linguaggio, l'assunzione di cibo, la deglutizione, la masticazione...

Questa procedura si ripete due volte in tutte le persone: La prima con i denti da latte che spuntano dai 6 mesi ai 3 anni. E, la seconda con i denti permanenti che escono dall'età di 6 anni. Ricorderai facilmente la cronologia dell'eruzione dei denti nella dentizione primaria se applichi la regola del quattro. Se la prima eruzione del dente si verifica a 6-7 mesi, i seguenti tipi di denti temporanei erutteranno a intervalli di 4 mesi.

Incisivi centrali: 6-7 mesi
Incisivi laterali: 11 mesi
Primo molare: 15 mesi
Canini: 19 mesi
Secondo molare: 23-24 mesi

È molto importante prendersi cura dei denti da latte. Poiché il suo danno può alterare la normale eruzione dei denti permanenti e causare problemi alla bocca.

I sintomi dell'eruzione dei denti comprendono infiammazione e arrossamento delle gengive, irritabilità, carie, salivazione frequente, perdita di appetito, difficoltà a dormire e il bambino si morde le dita e gli oggetti. Per alleviare tali sintomi possiamo ricorrere a massaggiagengive di plastica fredda.

Quando escono e in che ordine cadono i denti da latte? Per tua guida sullo schema caduta denti da latte descrivo approssimativamente i tempi normali e la cronologia dell'eruzione dentale dei denti permanenti.

Eruzione dei denti superiori
  • Incisivo centrale: caduta: 6 anni, uscita: 7 - 8 anni
  • Incisivo laterale: caduta: 8 anni, uscita: 8 - 9 anni
  • Canino: caduta: 11 anni e mezzo, uscita: 11 - 12 anni
  • Primo molare: caduta: 10 anni e mezzo, uscita: 10 -11 anni
  • Secondo molare: caduta: 10 anni e mezzo, uscita: 12 - 13 anni
  • Terzo molare: uscita: 17 - 21 anni
  • Primo premolare: uscita: 10 - 12 anni
  • Secondo premolare: uscita: 10 - 12 anni

Eruzione dei denti inferiori
  • Incisivo centrale: caduta: 7 anni e mezzo, uscita: 6 - 7 anni
  • Incisivo laterale: caduta: 7 anni, uscita: 7 - 8 anni
  • Canino: caduta: 9 anni e mezzo, uscita: 9 - 10 anni
  • Primo molare: caduta: 10 anni, uscita: 10 - 12 anni
  • Secondo molare: caduta: 11 anni, uscita: 11 - 13 anni
  • Terzo molare: uscita: 17 - 21 anni
  • Primo premolare: uscita: 10 - 12 anni
  • Secondo premolare: uscita: 11 - 12 anni

Questo è all’incirca uno schema caduta denti da latte, che può sempre tornare utile. La cronologia dell'eruzione dei denti è un fenomeno biologico di interesse medico e sociale, seguito con attenzione come linea guida per lo sviluppo del bambino. L'eruzione dentale è un campo di primario interesse, sia perché è il momento critico di molte decisioni nel trattamento ortodontico, sia per l'importanza dei meccanismi del processo eruttivo dei denti.

Per adempiere alla funzione masticatoria, il dente subisce un lungo periodo preparatorio che gli consente di affrontare con successo il proprio ruolo. Quando la corona germoglia sarà permanentemente esposta all'ambiente esterno. E deve essere ben ricoperto da uno strato tanto duro quanto resistente: ed è qui che lo smalto interviene, che ha la funzione di resistere allo shock da masticazione.

La corona dentale ha invece una morfologia inalterabile adattata al resto dei denti limitrofi e antagonisti con cui deve occludere. Ed è necessario ricordare che questa forma dentale si ottiene nelle prime fasi formative e rimane costante, in condizioni fisiologiche, per tutta la vita.

Schema caduta denti da latte. Perché possono non uscire i denti da latte?

L'eruzione dei denti consiste nel movimento del dente attraverso l'osso e la mucosa che li ricopre, fino a quando riescono ad emergere per avere un normale funzionamento in bocca. Il suo “venire alla luce”, quindi, è solo una tappa del processo eruttivo, che si articola in tre fasi distinte: la pre-eruttiva, l'eruttiva prefunzionale e l'eruttiva funzionale. Pertanto, è un processo multifattoriale, in cui vengono combinati i cambiamenti dei tessuti. Inizia con la formazione del dente nella mascella e la mineralizzazione, continua con la mobilizzazione, la comparsa nel cavo orale, la sua migrazione occlusale, il contatto con il suo antagonista e infine finisce per cadere nel caso in cui faccia parte della dentatura primaria.

La mineralizzazione radiograficamente visibile dei primi molari permanenti inizia approssimativamente alla nascita ed è seguita 6 mesi dopo dagli incisivi laterali superiori e inferiori centrali e inferiori.
I canini lunghi richiedono molto tempo per la piena mineralizzazione e di conseguenza la mineralizzazione inizia temporaneamente (a 12 mesi) nonostante l'eruzione tardiva.
Gli incisivi laterali mascellari hanno uno schema di mineralizzazione/eruzione opposto: un inizio di mineralizzazione piuttosto tardivo a 18 mesi e un'eruzione molto prima dei canini.
La mineralizzazione dei premolari e dei secondi molari inizia tra i 2 ei 3 anni.
Segni di mineralizzazione dei terzi molari sono visibili a circa 10 anni di età, con una variazione particolarmente ampia. Come regola generale, la formazione completa (mineralizzazione) richiede 4 anni e la formazione della radice richiede altri 5 anni + 1 anno, a seconda delle dimensioni del dente.

Per controllare il processo di eruzione dei denti, anticipare qualsiasi inconveniente e garantire una salute orale ideale per i bambini, l'American Academy of Pediatric Dentistry consiglia di effettuare la prima visita dal dentista nel primo anno di vita. ari motivi fanno sì che il dente non esca entro i tempi normali secondo la cronologia dell'eruzione dentale, producendo così un ritardo nell'emergenza dei denti.
I primi denti a comparire sono gli incisivi centrali inferiori e lo fanno intorno ai 6 mesi di età. Tuttavia, ogni bambino ha il proprio ritmo, ma quando il primo dente spunta dopo 15 mesi, è considerato un ritardo nell'eruzione del dente. Il ritardo nell'uscita dei denti è un'eziologia relativamente comune e diversificata. Le cause includono fattori locali, fattori sistemici e malattie genetiche.

  • Fattori locali (traumi, occlusioni, anchilosi, cisti dentigera e parodontite periapicale, denti soprannumerari, tumori e odontomi odontogeni, fibromatosi gengivale ereditaria, odontodisplasia regionale).
  • Fattori sistemici (malnutrizione, deficit dell'ormone della crescita, trattamenti radioterapici e chemioterapici, paralisi cerebrale infantile, infezione da HIV, palatoschisi).
  • Malattie genetiche (Ostogenesi, imperfetta, dentinogenesi imperfetta, amelo genesi imperfetta, sindrome di apert, cherubismo, displasia condroectodermica o sindrome di Elllis Van Creveld, discheratosi congenita, sindrome di Down, epidermolisi bollosa distrofica, displasia cleidocranica, sindrome di Gardrichosi, sindrome di Dubowitz sindrome di Gorlin).

Oltre a capire lo schema caduta denti da latte bisogna sapere perché delle volte non escono i denti da latte. Queste alterazioni che possono far sì che i denti non fuoriescano quando corrispondono possono essere facilmente risolte con un trattamento odontoiatrico. Il trattamento odontoiatrico consigliato nelle cliniche quando il dente non erutta può essere suddiviso in: astensione, estrazione e posizionamento di un dente in arcata.

L'eruzione del dente comporta il movimento del dente in direzione assiale dalla sua posizione originale nella mascella alla sua posizione funzionale nella cavità orale. Quando un dente non erutta naturalmente, l'attività terapeutica è varia:

  • Molti dentisti preferiscono attendere dai 3 ai 4 mesi dall'età cronologica dell'eruzione nel caso in cui il ritardo si risolva spontaneamente.
  • Altri scelgono di estrarre i denti da latte per facilitare la comparsa dei denti permanenti.
  • E altri optano per l'ortodonzia per il riposizionamento del dente compreso nell'arcata dentale.

Speriamo che l’articolo ti sia piaciuto, che sia stato utile per capire lo schema caduta denti da latte e molte altre curiosità sul mondo dentistico.
Schema caduta denti da latte